Fusilli Lunghi Bucati n° 5

I Fusilli Lunghi Bucati sono originari della Campania e hanno un formato a spirale semplice.

Anticamente i Fusilli venivano prodotti a mano secondo un metodo tramandato di madre in figlia: si trattava di attorcigliare, con gesto rapidissimo e mani esperte, uno spaghetto intorno ad un ferro da calza. L'abilità dimostrata in questo procedimento ricorda molto quella delle filatrici e infatti il termine "fusillo" deriva da "fuso", lo strumento di lavoro tipico delle filatrici.

I Fusilli Lunghi Bucati si servono tradizionalmente con il ragù alla napoletana o del "guardaporta" e il ragù napoletano detto "alla genovese". Generalmente, danno il meglio conditi con parmigiano o pecorino, oppure con sughi a base di pomodoro e verdure, con melanzane e peperoni.

Disponibili in confezione da 500 g

  • Cottura: 13 min - Al dente: 12 min
Fusilli Lunghi Bucati n° 5


#AllaDeCecco

Visitare Torino offre una panoramica della cucina piemontese.

Una cucina saporita ed elaborata, arricchita da ingredienti rinomati come il Toma Piemontese DOP, ottimo per mantecare risotti, accompagnare un piatto di polenta “mitonà” o per condire pasta integrale e salumi locali da assaggiare in una delle tipiche osterie della città.

Vivere #AllaDeCecco vuol dire assaporare ingredienti, profumi, suoni, paesaggi.
E per la pasta scegliere solo De Cecco.



Noi italiani saremo sempre avanti agli chef stranieri almeno sulla pasta, perché sappiamo valutarne l’importanza, ne abbiamo rispetto e sappiamo realizzare il giusto abbinamento a seconda del formato e della stagione.
Siamo esperti e consapevoli di avere di fronte un ingrediente non meno nobile di alcun altro ingrediente e con il quale si può arrivare a creare anche dei veri capolavori.
Tratto dal libro Pasta Damare - Fabio Baldassarre
play

Il nostro metodo

Attenzione, cura, esperienza, qualità in ogni fase: dal nostro mulino alla tua tavola

La selezione del grano

Scegliere materie prime eccellenti è il primo passo, il più importante, per creare una pasta unica.
grano

La molitura

Siamo mugnai da quasi due secoli: già nel 1831 don Nicola De Cecco produceva nel suo mulino la "miglior farina del contado". Ancora oggi maciniamo tutto il grano nel mulino accanto al pastificio, che è sempre avvolto da un intenso e piacevole profumo.
molitura

L' impasto

L' acqua fredda e l' impasto a una temperatura inferiore ai 15 gradi: due dettagli che ci permettono di ottenere una pasta che rispetta la materia prima.
impastamento

La trafilatura

Se grazie alla trafilatura la pasta prende forma, è il bronzo a regalare alla nostra pasta quella porosità unica capace di catturare ogni condimento. Questa è una delle particolari procedure che abbiamo scelto di preservare e difendere. Con grande orgoglio.
trafilatura

L'essiccazione

Un altro dei segreti della nostra pasta è l'essiccazione lenta e a bassa temperatura. È il nostro modo di preservare intatte le caratteristiche organolettiche del grano.
essiccazione



Potrebbe interessarti anche

Orecchiette n° 91

Le Orecchiette, dette anche "strascicati" o "strascinati", sono il formato di pasta più tipico della cucina pugliese. La forma è a disco rotondo leggermente incavato al centro.

Nella tradizione gastronomica pugliese della pasta fatta in casa, le orecchiette si facevano con farina bianca, semola di grano duro ed acqua. Una volta in piccoli pezzi di pasta, "si strascinavano" con la punta di un coltello per ottenere una specie di conchiglietta, poi rovesciata all'indietro con la punta del pollice.

Nella ricetta tradizionale pugliese le orecchiette si lessano insieme a broccoletti o patate e si servono con un sugo di pomodoro e pecorino o con aglio e olio.

Sono anche conosciute come "Recchie" e accompagnate da ragù di verdure o ragù di agnello e ricotta.

Disponibili in confezione da 500 g e 3 kg.

Vai al prodotto